Punto 01. Fotografia di Strada

La fotografia di strada è l’arte di catturare la vita, la cultura e l’umanità in modo spontaneo. E’ un segmento molto affascinante della fotografia e tanti fotografi e fotoamatori sembrano esserne attratti quasi naturalmente senza forzature, e questo anche senza aver mai sentito il termine “fotografia di strada” o Street Photography che dir si voglia, che in un certo senso è anche un po’ impreciso, molti fotografi preferiscono puntare il loro obiettivo verso culture e popolazioni che non hanno mai incontrato prima anziché su montagne, tramonti e panorami, ecc.

Se non l’avete mai fatto prima, la fotografia di strada può sembrare molto complicata da realizzare nella pratica, perché ammirarla da lontano è un conto, ma “sporcarcisi le mani” è tutta un’altra cosa… Però è un’arte molto coinvolgente e che sa dare sia al fotografo esperto che al fotoamatore fino al semplice appassionato, grandissime soddisfazioni.

La fotografia di strada è una delle forme più complesse della fotografia, perché non è possibile pianificarla, Là fuori c’è tutto un mondo di contenuti e il vostro lavoro è quello di uscire e andare a scoprirli, dove dovrete sviluppare il vostro linguaggio visivo, essere in grado di notare i possibili momenti interessanti e capire come catturarli in un solo e rapidissimo istante.

Impiegate il vostro tempo libero allenandovi, perché nulla come l’esperienza è in grado di battere qualsiasi altro fattore. Godersi la sensazione di stare all’aperto, perché è necessario amare la strada per poterci passare il tempo necessario che consente all’occhio di velocizzare l’inquadratura e soprattutto ad individuare i soggetti e le situazioni più interessanti, quelle che meritano di essere raccontate dal vostro obbiettivo, insomma stare in strada è una palestra che permette di diventare bravi.

Esistono diverse opportunità per il setup della vostra fotocamera, quella che preferiamo è la priorità dei tempi, con velocità dell’otturatore di circa 1/250esimo di secondo, questo è un buon punto d’inizio per essere sicuri di riuscire a catturare i vostri soggetti congelando il movimento.

Quando c’è meno luce potrete passare a 1/160esimo, o anche a 1/125esimo e d luce diretta del sole potrete passare senza alcun inconveniente a 1/400esimo o 1/500esimo, ma 1/250esimo resta sempre e comunque il numero da tenere a mente.

Aumentare il valore di ISO – Nella fotografia di strada non c’è nessun motivo per scendere sotto ISO 400 anzi, quando non siete sotto la diretta luce del sole è raccomandabile mantenersi tra 800 ISO e 3200 ISO, Il motivo è che se si vuole scattare a 1/250esimo, si vorrà farlo anche con la più un’apertura di diaframma il più ridotta possibile e quindi, per ottenere un’esposizione ottimale, si dovrà scendere necessariamente a qualche compromesso ed è convieniente farlo aumentando il valore degli ISO.

Probabilmente ora starete chiedendo il perché utilizzare, nella fotografia di strada, un’apertura così ridotta, ovviamente si tratta di una scelta che si può definire creativa, che però quando la luce è molto bassa si deve scattare necessariamente con la più ampia apertura possibile.

Ci sono fotografi di strada che in tutti i loro lavori, per scelta stilistica, preferiscono la resa di una profondità di campo stretta. Però ci sono alcuni buoni motivi per cui credo che sia meglio avere un’apertura di diaframma piccola e molta profondità di campo.

Per via dell’imprevedibilità delle situazioni, non saprai mai a che distanza si troverà il tuo soggetto o se avrai tanti soggetti a diverse profondità di campo. Inoltre, se perdi il fuoco anche solo un po’, finché utilizzi una più ampia profondità di campo il tuo soggetto sarà sempre a fuoco.

Infine, il contesto è importante. Stai raccontando una storia e ciò che circonda il tuo protagonista è parte di quel racconto. Vuoi davvero sfocare tutto il tuo contesto? L’ambientazione è uno dei punti essenziali della fotografia di strada.

Per la fotografia di strada un obiettivo a lunghezza focale fissa non è fondamentale, ma può comunque rivelarsi molto importante.

Innanzitutto, gli zoom sono obiettivi grossi e pesanti, mentre un obiettivo a focale fissa è piccolo e leggero, il che rende più semplice trasportare in giro la tua fotocamera ed è molto meno intimidatorio nei confronti dei tuoi soggetti.

Inoltre, abituarti a scattare a una sola lunghezza focale, può esserti molto d’aiuto, perché ti permetterà di capire in modo molto più rapido e intuitivo come funziona la tua macchina fotografica.

Preferisco utilizzare obiettivi a focale fissa grandangolari. I 35mm e i 50mm sono i miei preferiti. Mi piace l’effetto grandangolare perché ti avvicina ai soggetti. Inoltre ti dà un punto di vista fantastico, che ti permette di ingrandire i soggetti in primo piano e includere nello scatto anche molto sfondo, che sarà proporzionalmente più piccolo.